Passeggiate romane

03.05.2020
Roma, Piazza di Spagna e Trinità dei Monti (Foto A. Fiorito 1983)
Roma, Piazza di Spagna e Trinità dei Monti (Foto A. Fiorito 1983)

Home      Narrativa      Fotografia

Poesia:  Il tempo dell'attesa I     Il tempo dell'attesa II     Frantumi      Fiori di Primavera

                 Haiku in strofe    España te quiero      Memorie     Acquerello


Londra

Settembre...

Roma in un giorno
qualunque
di un'estate d'autunno

Tra i Fori
e Torre Argentina
respiro di brezza marina

Il tuo desiderio

Westminster
Tamigi
Saint Paul

Biografia
di un'altra città

in un libro

tra le tue mani.

Roma, 9 Settembre 2014.


Natale 1990

Sopra i colli di Roma
dicembre si scioglie
nel Natale di sole
nei rivoli freddi
di brina notturna
nel calore
degli animi accesi
negli affetti
di uomini e donne
e nel limpido sguardo
di giovani a frotte.

Lungo il Tevere in piena
pensieri e gabbiani
riflessioni, alberi spogli
specchiati nell'acqua
che immobile corre
nell'inconscia rapina
dell'abbraccio del mare
che d'inverno
respira più forte
e trascorre la mente
che assorta si perde.

Come il fiume dal mare
io mi lascio rapire
come il mare d'inverno
io più forte respiro
come l'acqua e i gabbiani
la mia vita trascorre la piena
degli ultimi giorni
del millenovecentonovanta.

Roma, 20 Dicembre 1990

Pioggia di Marzo

Pioggia di marzo
primavera annunciata
da mimose già in fiore
le rovine dei templi
oggi trovano pace
sotto l'acqua
che lava anche i giorni di ieri.

Roma tace
al rumore ovattato
della vita che scorre
nelle strade del centro
Roma tace
le vetrine appannate
che di luce sfumata
fa da velo
allo sguardo di chi passa
affrettato.

Via del Corso
assopita
non rimpiange
il turista straniero
nei Caffè
oggi accoglie chi vuole
nel ricordo
agli amori riandare
e ragazzi
e ragazze
che alla grande finestra
sul mondo
hanno gli occhi
protese le mani.

Roma dorme
sotto l'acqua che scroscia
nelle Chiese in penombra
nei chiostri

La terrazza del Pincio
che affaccia
sopra Piazza del Popolo
immota

Dal Gianicolo
assorto
la città si distende
sotto i tetti
le cupole
i templi

E' memoria
di antichi splendori
nella bruma sospesa
del tempo.

Roma, 9 Marzo 2011.